INCENSO GIAPPONESE INFORMAZIONI

INCENSO GIAPPONESE

Incenso era introdotto in Giappone dalla Cina nel sesto secolo DC con il Buddismo.  A differenza di altri incensi, gli incensi giapponesi sono senza un'anima di legno centrale e utilizzano ingredienti purissimi, con la conseguenza di un prodotto molto pulito e non dannoso.  Sono per la maggior parte miscelati a mano da maestri incensori (koh-shi).  Loro utilizzo è molto legato sia a religione sia a l'idea di portare più serenità nella vita quotidiana - e come forma di espressione della propria personalità.

Gli incensi sono composti da componenti naturali:

  • Corteccia di Machilus Thunbergii o Tabu-no-ki come base
  • Fragranze dal legno quali Agarwood o Aloewood (che conferisce dai toni dolci, speziati e agroamaro) o dal Sandalo (dolce e legnoso), o il Cedro (legnoso da conifero).  
  • Fragranze erbali come Benzoin (resina dolce simile a vaniglia), Borneol (canforato da grani cristallini), Cannella (corteccia speziata), Chiodi di Garofano (speziato), Vetiver (legnoso e terroso), Vaniglia (baccello, aroma balsamica), Olibano (o Franchincenso, resina dalla linfa, balsamica, dolce e rinfrescante), e Anice Stellato (frutto maturato, dolce aniciato).
  • Fragranze Animali come Muschio e Babylonia (guscio tritato di una lumaca marina). 
  • Fragranze Floreali quali Lavanda (erboso), Geranio (forte ma discreto, simile alla rosa), Gelsomino ( elegante e caldo), Ylang Ylang (simile al gelsomino), Patchouli (tipica fragranza associata a fragranze orientali, legnosa), e Rosa.

L'incenso viene fatto mescolando in diverse proporzioni questi ingredienti con altre materie prime organiche, e poi la miscela è caricata in macchine che la forzano attraverso torchi per produrre "spaghetti", o in stampi per formare coni o spirali.  L'incenso è poi lasciato ad essicare e indurire per qualche giorno.

La durata degli incensi una volta accesi, e anche il numero di bastoncini per un determinato peso di incenso, sono variabili dovuto al fatto che sono composti di materiali naturali e dunque soggetti a differenze di clima ed altre condizioni ambientali (stagione in cui sono raccolti gli ingredienti, stagione in cui l'incenso è fatto, locazione dove sono raccolti gli ingredienti, ecc) e anche al fatto che ci sono diversi ingredienti in diverse miscele di cui sono composti.